Welcome to Dublin. Howth: il fish&chips, una meraviglia della natura, Beshoffs and Ivans; Penneys; Mark & Spencer. (day 3)

Ecco quindi che David ci riporta alla marina di Howth.

Siamo affamati e assetati. E’ giunto il momento, ahimè anche per me, di provare questa roba qui del Fish&Chips.

Il locale tipico qui a Howth dove lo fanno meglio si chiama Caira Fish & Chips (fantasia…). Molto alla buona, forse troppo alla buona.

Non servono nemmen alcolici…LUI, niente birra.

Cosa abbiamo mangiato:

– 2 fish & chips

– scamp & chips (per fortuna avevano questi meravigliosi gamberi…)

Cosa abbiamo bevuto:

– acqua (qui te la danno, in qualunque posto, a bicchiere e dal rubinetto…ahahah!!!)

– coca cola

–  tea caldo.

Ed eccoci a passeggiare verso il mercatino. Dove purtroppo è quasi tutto finito, fa un freddo allucinante, tira un vento che ti porta via, ma faccio comunque in tempo ad acquistare un delizioso tris di marmellatine From Mother’s Kitchen, fatte in casa praticamente. La mamma gradirà. Finito anche il sidro di mele caldo, che sebbene io lo trovi agghiacciante, ora una sorsatina ci sarebbe stata bene. Pazienza.

Ci dirigiamo verso la stazione per rientrare a Dublino.

Ma per fortuna ci sono io!

Dico ai nostri, LUI e Virgilio: “Ehi, perchè non facciamo una passeggiata fino là in fondo? Cosa c’è?“. Virgilio mi dice che ci sono i magazzini del pesce e qualche ristorantino. Andiamo.

E qui capisco delle cose. Per esempio che col cavolo che una prossima volta si mangia F&C… Qui c’è il tripudio del pesce, dell’ostrica per meglio dire!!! Per esempio in questo posticino delizioso, stile Claudio la Pescheria dei Milanesi, puoi sia acquistare pesce freschissimo (peccato che qui sia il regno dell’odiato salmone!) che sederti e gustare dei plateau royal di cruditè di mare. Annaffiato da un calice di bollicine… Si chiama Beshoffs of Howth e il suo degno compare è Ivans Oyster Bar and Grill Howth. Quando tornerò una delle tappe sarà sicuramente qui!

Mentre stiamo per tornare alla stazione, LUI lo vede. Vede il camioncino visto la mattina prima di fronte al parco che reca una scritta legata al cibo per i leoni marini.

Leoni marini? Virgilio non ne sa nulla… In 6 anni non li aveva mai visti. Ma questa, lo ricordo, è la giornata perfetta.

Attraversiamo la strada per andare sul molo di fronte alle pescherie ed eccoli. Loro. Tanti. Incredibili con i loro occhioni e baffoni. Occhioni che sembrano implorare “pesce, dammi pesce, per favore“. E ogni tanto qualcuno dalla pescheria arriva a buttargli qualcosa. Uno spettacolo. Belli grassocci e teneri da morire.

Photos by ViolaBlanca

Ma Virgilio, dove ti abbiamo portata?

Il treno (abbastanza urfido) ci riporta in città in una ventina di minuti. LUI, tanto per cambiare, dorme sulla mia spalla.

Prima di rientrae in albergo Virgilio non resiste dal portarci in uno store pazzesco: Penneys, dove abbiamo fatto incetta, per me, per nana e anche per lui…

Infine, una capatina da Mark & Spencer dove profumi di pasticceria calda si mescolano a visioni di cazzate inenarrabili.

Di nuovo schiena a pezzi. Andiamo nella nostra meritata stanza…

Stasera seratone.

Advertisements

2 pensieri su “Welcome to Dublin. Howth: il fish&chips, una meraviglia della natura, Beshoffs and Ivans; Penneys; Mark & Spencer. (day 3)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...