Welcome to Dublin. Guinness Storehouse; Cornucopia; George’s Street Arcade; Marsh Library; Harty Place. (day 4)

Un pò d’ozio non ha mai fatto male a nessuno.

Quindi oggi ce la prendiamo con calma.

In programma c’è la visita alla Guinness Storehouse. Andate al sito, MA QUI FATELO DAVVERO SE VI INTERESSA L’ARGOMENTO PERCHE’ FATTO BENISSIMO!!!

E così vi eviterete la vera visita perchè noi la bocciamo. Primo, perchè per queste poche ore senza Virgilio abbiamo litigato (eh sì, capita anche in paradiso, ovviamente per una cazzata). Secondo, perchè non ne vale assolutamente la pena. Molto meglio, a nostro avviso, l’Heineken Experience di Amsterdam. Perchè? Non ce lo ricordiamo, ma sappiamo che è così. Fidatevi.

Posso però dire che qui alla Guinness ci sono un paio di cosette inutili, messe per riempire uno spazio, cioè quello della pinta di Guinness più grande del mondo. Sì perchè questa Storehouse, alta 7 piani, ha esattamente la forma di una pinta gigantesca. E quando la visiti, ci sguazzi dentro. Ma detto questo, non spenderei altre parole, se non per dire che dall’ultimo piano, dal Gravity Bar, la vista su Dublino è davvero unica.

Photo by ViolaBlanca

All’uscita, tra una cosa e l’altra, è ora di pranzo. Virgilio ci dà le indicazioni sul luogo giusto. Torniamo quindi in centro, verso Grafton Street (la Storehouse è un pò fuori, ma la camminata è piacevole).

Destinazione Cornucopia (sito in costruzione), pare il trend del momento. Ma attenzione: è un ristorantino vegetariano, solo vegetariano.

Photo by ViolaBlanca

E infatti LUI continua a dire che sta mangiando “puppette“, celeberrima frase tratta da:

Non è affatto vero, solo che LUI ha preso la cosa sbagliata… Per giunta non sa nemmeno cosa ha preso…

Virgilio ci raggiunge, mentre LUI ancora bofonchia…

Un passaggio radente al George\’s Street Arcade, dove mi intrufolo in un negozio vintage per provare gonne che Virgilio non avrebbe MAI pensato che potessero piacermi. E invece sì. Ma l’oscura presenza di un metallico diquellicheeranoannichenonsivedevanoingirocontantoditutaaderenteinpellebiancocadaverico e pure pienodibuchisullafaccia mi turba assai. Usciamo.

Photo by ViolaBlanca

Adesso è la volta di una biblioteca molto particolare. La Marsh Library, prima biblioteca pubblica d’Irlanda e una delle più vecchie di queste isole. Costruita nel 1701.

Cosa ci è piaciuto di più? Le eleganti alcove o “gabbie” in cui si rinchiudevano i lettori che desideravano consultare dei libri rari.

Infine, tappa d’obbligo. Virgilio ci vuole mostrare il luogo più felice per lei di Dublino.

Photo by ViolaBlanca

Annunci

2 pensieri su “Welcome to Dublin. Guinness Storehouse; Cornucopia; George’s Street Arcade; Marsh Library; Harty Place. (day 4)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...