Una festa di compleanno riuscitissima… All’Acquario Civico di Milano. Organizzazione Verdeacqua.

Non si sbaglia davvero mai.

Tanto che è il secondo anno che organizziamo a nana il compleanno all’Acquario (dietro sua richiesta).

Dopo ricerche estenuanti sulla location per la festa, inutili tentativi di allontanarmi dall’idea che già ronzava in me e in lei, il panorama milanese, alla fine, non soddisfa.

I semifinalisti erano due.

Un Munlab tanto sbandierato per l’innovatività dei temi trattati (metodo Bruno Munari) e un Museo Civico di Storia Naturale con il suo Paleolab. Sbaragliati all’ultimo da una scelta sempre azzeccata, inutile ripeterlo.

Il plus della festa? Tanti, per fortuna. Ma a noi piace perchè le due animatrici (di cui una generalessa) si occupano di allontanare l’attenzione dei nani dai loro genitori, prima nello stesso locale in cui avviene l’accoglienza e in cui avverrà il festeggiamento con apertura regali, poi conducendoli in un’altra stanza per farli giocare separati dai genitori che possono sciallare. Meglio: sciallano quei genitori che non sono dotati di figli-cozza. La festeggiata viene qui vestita da pirata, una vera dura, con tanto di cappello, uncino e la benda non so che fine abbia fatto. Da qui vengono guidati attraverso le vasche con una spiegazione adatta alla loro età. E poi torta, canzoncina, spacchettamento. Dove lei è stata messa su una sedia, circondata dai suoi amichetti, ad aprire quel tripudio di doni (dico solo che una volta tornati a casa ne ho nascosti un pò…troppi regali!!! La refurtiva verrà alloggiata nel bagaglio estivo destinazione quell’isolacheormaisapetequal’è!!!).

Massimo godimento quando gli invitati ci fanno i complimenti per tutto, ma soprattutto per come la nana abbia accolto ogni singolo amico/a…da vera pierre che vive nella performance!!!

Consiglio vivamente a tutti: Verdeacqua.

Sui regali: inutile passarci sopra, inutile far finta di niente. Lei è in visibilio per quelle scarpette, sì, gli orridi tacchetti dei travestimenti. Ora siamo dotati di ben 2 paia di scarpine alla Suri (Cruise, of course) e 2 coroncine in coordinato. Ma a noi piace pensarle più come delle piccole Les Tropeziennes

Per non parlare delle perline con cui lei verrà obbligata a infilare collane e braccialetti per allestire la sua prima bancarella in playa, magari al Pirata o al Big Sur

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...