BeautiFULL Puglia. La Locanda del Carrubo, Mattinata. Il Gargano. (part 2)

Proseguiamo.

Il mio argomento preferito: i ricevimenti. Che piaccia o meno, ormai è il grosso business della Locanda, poi in questo periodo, tra maggio e giugno, è il tripudio, il delirio, tra matrimoni, cresime e battesimi. E che dire a tal proposito? Che possono risultare fastidiosi, perchè mentre si è comodamente e romanticamente a pranzo o cena con vista mare, questi ospiti poco civili se ne fottono se tu stai mangiando e se ne vengono ad ammirare il panorama con le loro maledette sigarette. Ma questo è un problema comune di tutti quelli che fumano: sono talmente presi e ossessionati dalla loro droga che si dimenticano di tutto il resto, di chi li circonda. Ma dicevo che possono risultare fastidiosi. In realtà, vuoi mettere startene lì ad ammirare questo mondo che pare lontano anni luce? Il tripudio del kitsch, del kitschissimo! Donne in abiti improponibili, scarpe inguardabili, spesso miscugli da non credere, capigliature che dici “ma che cavolo!“. Un altro mondo. Davvero!

Interno della Locanda, particolare di un tavolo da pranzo – Credits: ViolaBlanca

E poi, questi mastodontici banchetti, queste faraoniche feste (W l’open-bar della prima sera a cui abbiamo potuto accedere!), l’opulenza esagerata e incontrollata per quello che è il giorno più importante della vita di ogni donna… … … Ma santo cielo, che buffonata! Resta solo e sempre la più grossa bugia millantata dalla Chiesa: un giorno di festa e di bagordi, in cui tutti si mettono in ghingheri (o tentano di farlo), ma per tornare il giorno dopo alla vita miserrima di tanti poveretti e poverette… E se così non è, resta comunque una grossissima bugia in cui ci si fa delle promesse che non si è, per natura umana, in grado di poter mantenere! Una grossa, grossissima bugia!

La Locanda del Carrubo – Credits: ViolaBlanca

Il plus che ne deriva per gli ospito del resort con nani al seguito è, udite udite, il servizio di animazione-babysitting, in genere dalle 15 alle 21. Capito bene, sissì! Perchè, come dice la saggia Filomena: “I bambini sono maleducati! Separiamoli!“. Io amo questa donna! Appena arrivati c’era una cerimonia in atto, con banchetto annesso e connesso, e Filomena ci ha svelato questa meravigliosa novità: al che la nana è stata prelevata dall’animatrice e portata ad un tavolo, in stanza separata, con soli altri mostri urlanti (e pugliesi!). Dopo il pranzo (ovviamente si rispettano i loro orari, scordatevi di piazzare le creature a tavola alla mezza!) in genere la truppa si trasferisce in spazio apposito creato dietro la piscina principale, dove hanno la loro sala giochi, il loro spazio esterno per fare tutto quello che gli pare senza così disturbare i grandi. E permettendo alla qui presente e al suo LUI di trascorrere un piacevolissimo pomeriggio in solitaria nella piscina riservata agli ospiti del resort. Dove anche in quest’occasione eravamo gli unici frequentatori. Una pacchia! Altro plauso all’organizzazione.

La Locanda del Carrubo – Credits: ViolaBlanca

Detto questo, procediamo. Il ristorante. Qualità del cibo eccellente, sui tempi un po’ lunghetti noi non facciamo testo. Ci sono stati fatti i complimenti della serie: “Fossero tutti come voi i clienti, mai una lamentela, tutto vi va bene…“. E attenzione, stiamo parlando della qui presente, eh! La rompi per eccellenza. Infatti, dopo una partenza in cui il nervo mi stava saltando proprio per i tempi, capisco che non si può, non si deve far altro che abituarsi a questi nuovi ritmi. Pare che ci si debba rilassare e assaporare ogni secondo. Come viene, viene. Da qui i complimenti. Ben accetti. Che mi rendono tronfia! La nostra cameriera di fiducia, un tesoro. Il capo-cameriere, l’efficienza fatta persona. Qualità e quantità super. Prezzi ragionevoli. Prosecco divino.

Esempi dei piatti.

Antipasto del Carrubo: un tripudio di piccoli assaggi, dal polpo con le fave, ai gamberi in salsa aurora (i più buoni e meno stomachevoli della mia vita), alle alici (divorate da nana), al salmone, al pesce spada, ai mini-spiedini misti, alla mozzarella di bufala, alle zucchine sapientemente cotte e condite, di tutto di più. E, poiché ci è capitato di prenderlo in più occasioni, posso assicurare che qualcosa varia sempre. Per fortuna.

Tra i primi: orecchiette con seppioline e carciofi, maccheroncini ai frutti di mare.

Tra i secondi: mazzancolle al salmorigano (dietro mia lamentela “mah, no, guardi, se sono da sgusciare lascio perdere…” il fido capo-cameriere mi coccola: “ma signora, se li vuole sgusciati, io glieli porto sgusciati!“. Detto, fatto!), pesce fresco di giornata alla griglia, fritto misto.

Vini e champagne: cantina non fornita. Fornitissima! Mitziel è un appassionato.

Insomma, alla Locanda del Carrubo si sta bene. E’ diventato il nostro rifugio per il ponte del 2 giugno. Si rallentano i ritmi. Si assapora la bella vita… Alla faccia di quelli che dicono “vorrei, farei, andrei…“, ma poi, poveretti, restano dove sono. Fermi. Anche mentalmente!

Grazie Filomena.

La piscina per gli ospiti del resort, particolare, alla Locanda del Carrubo – Credits: ViolaBlanca
Annunci

2 pensieri su “BeautiFULL Puglia. La Locanda del Carrubo, Mattinata. Il Gargano. (part 2)

  1. Che paradiso deve essere!
    Al solito le tue descrizioni sono come delle foto…basta chiudere gli occhi…e sei gia’ li…
    Brava e fortunata…ma quante vacanze ti fai mannaggia la miseria?!?!?!!?
    Baci

    • Non “deve essere”, è!!!
      Insomma, si fa quel che si può. Ma lo sai, basta un cenno nel paradiso balbibiano puoi entrare anche tu…
      Grazie, grazie, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...