Letto per voi: “Vish Puri e il caso dell’uomo che morì ridendo” di Tarquin Hall. Che peso di libro…

Morir dal ridere: non è solo un modo di dire per il Dottor Suresh Jha, esponente del Club delle Risate e soprannominato l’Acchiapaguru, in quanto dedito a cercare di smascherare i trucchi dei maghi e illusionisti che imbrogliano appartenenti alla casta borghese, e non solo, dell’India moderna.
Il principale indiziato è il potentissimo guru Swami, protetto da alti esponenti del Governo; la polizia brancola nel buio, in quanto l’omicidio sembra essere stato compiuto dalla dea Kali in persona!
Non sarà quindi un gioco da ragazzi per il protagonista ideato da Tarquin Hall, Vish Puri, lo Sherlock Holmes indiano titolare della “Investigatori Privatissimi Ltd, la miglior agenzia di tutta l’India“.
Vish Puri e i suoi strampalati collaboratori ci porteranno alla scoperta dell’assassino, ma anche di un’India in continua evoluzione, dove i vivaci colori e i sapori speziati delle pietanze tradizionali predilette dal protagonista, si fondono con la modernità, dove la corruzione dilaga ma c’è una sempre più crescente voglia di cambiare e cercare di vivere nel giusto.
Un’India dove ancora il credo delle caste ha il sopravvento sull’emancipazione della borghesia indiana poiché “l’uguaglianza è un’ottima cosa. (…) Ma se la godano gli altri“, e dove ancora sono forti le credenze popolari perché “le persone hanno bisogno di credere nelle illusioni. Vogliono essere ingannate, ma non accettano l’idea di essere vittime di un imbroglio“.
Vish Puri e la sua famiglia ci faranno sorridere e riflettere, oltre a stupirci grazie alle loro geniali e argute deduzioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...