Letto per voi: “Mia suocera beve” di Diego De Silva. Ah, se si ride…

Chi non lo conosce, dovrebbe conoscerlo. In un paese pieno di avvocati squali, l’avvocato Vincenzo Malinconico infatti è un avvocato di insuccesso davvero unico. Con quel nome, poi. Chi no lo conosce, tuttavia, dovrebbe provare ad ascoltare la sua voce che abita la scrittura davvero energica di un talento come Diego De Silva che lo ha creato. Dopo alcuni romanzi, Malinconico era comparso in Non avevo capito niente qualche anno fa ed è subito stato un successo.

Ora l’autore napoletano ripropone il personaggio di Vincenzo Malinconico In Mia suocera beve capita in un supermercato in cui s’è asserragliato un ingegnere disperato e incattivito, lo stesso che ha creato il sistema di sorveglianza e che sta per rapire un pregiudicato camorrista che ha ucciso per sbaglio il figlio dell’ingegnere e ogni settimana circola impunito tra gli scaffali alla ricerca del suo yogurt preferito. Questo borghese piccolo piccolo che è l’ingegnere attende da anni giustizia per il figlio e decide di farsela da solo.

Per questo con in mano una pistola inchioda l’accusato e il suo avvocato, per l’appunto Malinconico. Li sequestra e li caccia a forza dentro una storia più grande di tutti. Arriveranno le televisioni e dal circuito chiuso del supermercato irradieranno nell’aperto dell’agorà televisivo questo il “Processo in diretta” al camorrista, una sorta di reality della giustizia. Là dove la giustizia ha fallito, l’unica chance è la tv.

Il mondo attorno è quello dei mostri della contemporaneità che tutti conosciamo. E così eccola la folla, i carabinieri, le giornaliste bonazze o ignoranti dei programmi del pomeriggio, e in questo lento procedere della tensione, Malinconico fa come suo solito digressioni, comiche e ridicole su temi serissimi come anche al contrario esercizi filosofici. Malinconico – e De Silva – è il re della parentesi virtuosa, in un flusso di coscienza inarrestabile, in cui c’è spazio per rievocare quel che non va con la fidanzata, i suoi rapporti con la ex moglie, i figli e soprattutto l’adorata suocera, che ama il whisky per dimenticare il tumore, eppure non perde mai la lucidità sulle cose dell’amore battendolo regolarmente come in una sfida dialettica che tiene assieme al loro amicizia sincera.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...