La mia intervista a Stefania Nascimbeni per “101 motivi per cui le donne preferiscono gli stronzi”, titolo profetico!

Tra i 101 motivi per cui le donne preferiscono gli stronzi:
Lo stronzo è un amabile adulatore
Lo stronzo vi tiene in pugno, ha sempre l’ultima parola
Lo stronzo ha un sorriso irresistibile
Lo stronzo è sexy e sa fare bene l’amore
Lo stronzo è schietto, del genere «Sono così, io te l’avevo detto…»
Lo stronzo non lascia, si fa lasciare!
Lo stronzo ti conquista con la voce
È magnetico, come una calamita
Conquistare lo stronzo è un’impresa che avvince
Le donne sono convinte di poter cambiare in meglio lo stronzo
Un piccolo assaggio di quanto contenuto nel libro di Stefania Nascimbeni, “101 motivi per cui le donne preferiscono gli stronzi” (Newton Compton editori).

Chiacchierando con Stefania…

101 motivi per cui le donne preferiscono gli stronzi in 100 parole?
101 in 100? sono troppe, davvero, e farei confusione. Nello specifico te ne dico un paio: noi donne siamo quelle che “l’amore che move il sole e l’altre stelle”: a monte di tutto saremmo disposte a tutto pur di vivere davvero questo sentimento. Dal farci andare bene il fedifrago per antonomasia, a quello arido che sa solo aprire il portafoglio, o quello scettico che ti condisce con i suoi melensi stati umorali sulle relazioni infelici. Noi donne amiamo l’amore prima di tutto, il resto viene da sé.

Dall’uscita del libro, come è cambiata la tua percezione nei confronti del maschio (se è cambiata)?
Pensavo di eludere un po’ questa domanda, levandomi al di sopra delle parti. E invece ti dico che sono sempre ferma allo start, per quel che mi riguarda. Cioè degli uomini (i miei) ci capivo poco prima e ci capisco meno adesso, o comunque sia uguale! Riguardo agli altri è tutto molto più chiaro invece, comincio a cogliere l’evolversi di una situazione già dai primi passi che lui, Mr. S, il deficiente compie.
L’altro giorno ero dal parrucchiere e una signora, parlando del mio libro, mi ha detto: “Tu si che hai capito tutto!”. Mi ha fatto così sorridere…

Ti è capitato di ricevere critiche? Se sì, a che proposito?
Critiche? Ma sai che non ancora… Sto aspettando sulla riva del fiume, tanto prima o poi il cinese rompicoglioni passa sempre!

Cosa ti scrivono i lettori?
Mi chiedono consigli sentimentali, ti stupirà saperlo, specialmente i ragazzi! Che è come se parlassero con me per avere l’illuminazione sul genere femminile… Cerco di essere obiettiva e li minaccio di morte quando li vedo ridursi a zerbino al cospetto di una stronza (eggià, ci sono anche le Mrs S!), ma poi mi rendo conto che una donna, in amore, non sa mai che cosa vuole e allora ogni consiglio è quasi inutile. Dato che la donna in essere potrebbe aver già cambiato idea/strategia nel frattempo.
Le ragazze invece mi scrivono che hanno apprezzato il libro, che l’hanno trovato ironico, ma tremendamente vero e per nulla stupido. Molte mi hanno perfino detto che sono cambiate dopo la lettura. Sono felice per loro.

Prossimo progetto?
Per il prossimo anno sto lavorando a un nuovo saggio di costume della Newton Compton, sempre per il periodo di Natale, che in un certo senso potrebbe essere l’evoluzione di questo 101.
Ma stavolta si parla proprio di relazioni, anzi di amore!
E poi, vabbè, sto sempre aspettando che Gesù bambino legga la mia letterina del Natale scorso e si decida a far recapitare i miei due manoscritti in cerca di editore a chi dovere (uno è un romanzo che ho appena finito, anzi, non ancora corretto del tutto).

La domanda che vorrei…
La domanda che vorrei? Perché scrivere? Risposta: perché ci sono tante cose che vorrei dire sulla vita, il mondo, tante storie interessanti che piacerebbero alla gente, perché poi la gente siamo noi (io) in molti casi. Con quello stile un po’ frizzante, del tutto personale, io racconto degli spaccati di realtà, da un lato miei da un lato raccontati. Che sono certa appartengano a tutti.
Insomma, leggere per credere… Scrivere è anche leggere, e leggere è in parte vivere!

L’autore
Stefania Nascimbeni
studia e lavora nella comunicazione. È stata ufficio stampa e giornalista nei settori moda, arte e lifestyle, sia per aziende che come libera professionista. Nel 2007 comincia a scrivere alcuni racconti e soprattutto il suo primo romanzo. Attualmente scrive su due blog di successo: ilovegaia.style.it e dottoressacalvi.menstyle.it (che prendono le voci di Gaia e della dottoressa Calvi, due suoi personaggi), oltre al suo blog personale.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...