Formentera mon amour… Kid’s Life. Or beach Life. Discorsi tra bambini. Edificanti e indicativi…

L’amichetto di turno – dopo aver visto, fotografato, disturbato e infastidito a mille Totti in spiaggia – le dice: “Sai che io a 4 anni ho ricevuto una lettera da Totti?

La mia nana, dopo un attimo di raccoglimento, replica così: “Sai che l’amica della mia mamma invece mi regala un sacco di libri?

Come a dire: due destini, due futuri…

Annunci

14 pensieri su “Formentera mon amour… Kid’s Life. Or beach Life. Discorsi tra bambini. Edificanti e indicativi…

  1. “l’amichetto di turno” è sufficientemente intelligente e sveglio da potersi permettere di avere perfino una squadra del cuore senza pericolo di finire lobotomizzato, tu invece mi sembri notevolmente impietosa e presuntuosa nella tua “profezia”.
    difenderò “l’amichetto di turno” fino alla fine dei miei giorni, perché lo conosco, perché ne riconosco il valore e soprattutto perché gli voglio bene, pregi e difetti, un gran bene e ho imparato ad avere un rapporto con lui con l’affetto e la comprensione.
    e pensa un po’, legge pure!!
    saluti da carlotta, ferita personalmente dai tuoi giudizi su “l’amichetto di turno”

  2. io non mi permetto di commentare ciò che non ho visto, mi permetto di commentare ciò che leggo e che è pubblico, cioè il tuo post.
    qui non mi sembra si parli di maleducazione ma di possibile futuro di un bambino piuttosto che di un altro, pronosticato da te in base a un luogo comune così basso da far pensare che a volte i libri, invece di aprire la mente, la chiudano.
    purtroppo conosco il bambino a cui ti riferisci e dico ciò che penso, in questo caso la maleducata sei tu che ti permetti di dirmi che il mio pensiero è farneticante. io non mi sono permessa di insultarti, se non vuoi che si commentino i tuoi post liberamente proteggili o filtra i commenti…
    sei scusata, torna pure alle tue alte pagine

    • Farnetichi su una cosa che fa solo ridere. Grazie al cielo non ci conosciamo, altrimenti sapresti che io scrivo sempre cose che riguardano la kid’s life che fanno solo e assolutamente ridere. Questa fa solo ridere. Ma voi siete così ottusi nei vostri, e dico vostri, preconcetti (pensando che siano poi gli altri!) che non sapete ridere. Io non ho insultato nè criticato. Ho riportato solo un discorso tra due bambini come, ripeto, facico spessissimo. Discorso che fa ridere.
      Ripigliati/ripigliatevi!!!

  3. sai valeria, ci sono molti modi di dire il proprio pensiero… forse il mio senso dell’umorismo non è all’altezza delle tue altissime vette, ma io non vedo proprio nulla da ridere in questo:

    “Come a dire: due destini, due futuri…”

    vuoi spiegare meglio? quali sarebbero questi due destini? (è chiaro che sono domande retoriche, sia mai…)

    tu non hai solo riportato un discorso tra due bambini, l’hai commentato, ne hai dato un giudizio interpretativo.

    quando si mettono a confronto due frasi come quelle chiosando con quella affermazione così opportunamente sospesa, è dura cogliere l’ironia o la risata, si coglie solo lo snobismo e l’altezzosità…

    e tu che parli di distanza da ogni ipocrisia, non celarti dietro a una facile differenza interpretativa, ciò che volevi dire è arrivato, e se non è questo ciò che volevi dire forse è il caso di rivedere l’uso che fai del racconto.

    mi piacerebbe vederti al posto di chi a quel “l’amichetto di turno” vuole bene, se la situazione fosse al contrario, sei proprio sicura che ne avresti saputo ridere?

  4. Premetto che come ho già detto alla Vale il post “formentera mon amour” non era da scrivere e non aveva il mio personale apprezzamento.
    Questo è semplicemente male interpretato Carlotta, l’attacco non è nei confronti di Nicco, ma nei confronti dei genitori, i quali a parere dell’autrice con la loro educazione stanno decidendo il futuro di loro figlio.
    Come sempre la visione della Vale è estrema, a molti piace e a molti altri no, personalmente mi aveva fatto piacere che la Viola avesse risposto in quel modo, vuol dire che i ns. valori erano passati.
    Per inciso io c’ero e a Nicco di Totti gli importa relativamente, anzi lui preferiva continuare a giocare piutosto che andare a vederlo, ti dirò di più che per me diventerà un genio, ma non del pallone 😉

  5. e infatti anche (e soprattutto) i genitori non hanno proprio apprezzato…ed anche Carlotta… visto che è proprio colei che gli donò il famoso “autografo di Totti” qualche anno fa… ma vorrei aggiungere senza troppa polemica…diciamo… può darsi che quello che fa ridere una persona non faccia ridere un’ altra giusto? tipo: scherzare sul futuro dei bambini… tipo: emettere suoni sconvenienti tra amici “maschi e adulti”… tipo: dipingere un “ospite non casuale” come un cafone assoluto tanto per il gusto di… non so se sono stato chiaro…

      • E’ quello che hai voluto e non poteva che essere così. Conosci la terza legge di Newton? E’ un principio assoluto…come per me lo è il valore dell’amicizia. Per me. Comunque spero ti sia almeno divertita…ora sarai soddisfatta vero? Che tristezza…

      • Hai ragione. Che tristezza!
        Che tristezza che tu sia ancora qui a renderti ridicolo solo per non aver ancora capito una semplice verità: che ad ogni azione esiste una reazione.
        In parole povere, poichè proprio non ci arrivi/ate, sei stao il peggior ospite in assoluto, sei stato trattato come sei stato trattato, solo perchè lo hai meritato. La maleducazione si paga.
        Invece, la follia che ti pervade, evidentemente, te la devi tenere.

  6. ciao andrea,
    esatto, sul bimbo sono d’accordo con te.
    per il resto, essendo abituata a leggere e a scrivere, purtroppo non mi sembra di aver così male interpretato… le parole pesano, e il loro peso è dato dal loro significato, uno e non mille.
    nel giudizio sul bimbo che da queste poche righe emerge, ahimé, ciò che ferisce è che l’attacco è sferrato contro un bimbo “amico” cui non viene riconosciuto un valore che io credo abbia.
    in quanto alle visioni estreme personalmente ne vivo, quindi non è quello che mi ha ferito!
    tengo a precisare in ogni caso che mi riferisco solo a questo post, e in particolare alle parole usate per raccontare, di tutto il resto non so e francamente poco mi interessa, mentre qui, anche se estranea ai fatti, sono rimasta proprio male, penso al bimbo e mi sento ferita…
    comunque ti ringrazio per aver voluto dare un tono più disteso a questo scambio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...