Divagando. O vaneggiando

« Quant’è bella giovinezza,
Che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
Del doman non v’è certezza »

(Lorenzo de’ Medici, Canzona di Bacco)

Perchè io mi sforzo di guardare avanti. Ma non vedendoci benissimo…

E se mi giro indietro è tutto velato, offuscato, come se una tormenta di neve o un vento fortissimo spirasse ad una velocità elevata trascinando foglie e polvere, così da impedire la netta visione degli oggetti, delle cose, dei volti, delle persone. Del tutto. O del niente.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...