Letto per voi: Mauro Anelli, “Il nido dei bastardi” (Zero91)

Il nido dei bastardiNibbio, Struzzo e Iena: questi i nomi che si sono dati, i balordi protagonisti di questa storia raccontata magistralmente da Mauro Anelli, già autore del thriller Dossier Locusta, sul terrorismo internazionale e l’ingegneria genetica. Il nido dei bastardi è il titolo di questo piccolo, ma pesante volume. Piccolo, ma soffocante. Piccolo, ma opprimente. Da leggere d’un fiato, come si usa dire, grazie allo stile pulito e veloce. Perché innervosisce. Incatena e incuriosisce. Cos’hanno di caratterizzante questi tre indemoniati? Non sanno chi sono. E questo li conduce sulla strada sbagliata. Insomma, i classici giovani che si sono persi. Ma le parole che Anelli mette su carta non rientrano nello schema della classica storia di balordi. Qui si va oltre, la violenza è ovunque perché quelli che si incontrano sono personaggi tanto estremi quanto attuali: il vicino di casa, i compagni di scuola, gli abitanti del paese, il parroco della chiesa. Quel luogo deputato a non poter essere mai profanato, in un paese non ben definito e chiamato il Nido (che sia un richiamo al rifugio familiare?), viene ora ripagato con una profanazione diversa da quella che è entrata in quella stessa chiesa in passato, ma altrettanto violenta dal Nibbio, lo Struzzo e Iena. Tutto tranne che bravi ragazzi.

Il nido dei bastardi è una storia nostrana all’Arancia Meccanica di violenza giovanile e anticlericalismo, terribilmente sincera e attuale. Un pugno nello stomaco alla nostra coscienza morale e civile.

(La mia recensione pubblicata su inMondadori)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...