Nelle pagine di… ‘Mo’ te lo spiego a papà. La sfida quotidiana di un papà alle prese con le domande difficili dei suoi figli’ di Francesco Uccello (TEA)

Dopo il fenomeno delle mamme blogger

è il momento di passare la parola all’altro genitore

Mo' te lo spiego a papàFrancesco di mestiere fa l’educatore, e di esperienza con bambini e ragazzi ne ha tanta, ma quando diventa papà di DA1 (il primogenito) e DA2 (il secondogenito, a soli sedici mesi di distanza) scopre che essere genitore è un lavoro completamente diverso: meraviglioso, sfiancante, entusiasmante, e soprattutto a tempo pieno e orario continuato.

Come tutti i cuccioli d’uomo, DA1 e DA2 sono vivacissimi e curiosi e bombardano i genitori di domande complesse, stravaganti, ridicole o profondissime su ogni argomento possibile. Mamma Stefania ha trovato una soluzione geniale: «Andate da papà, che ve lo spiega lui». E a Francesco non resta che armarsi di tanta pazienza – e di una sana dose di ironia – e prepararsi a rispondere.

Dopo i racconti di tante mamme, finalmente arriva una voce maschile a esporre la «versione del papà», rivelandoci che anche i padri amano in modo viscerale e «materno», e vivono intensamente tutte le emozioni e la complessità del diventare genitori. Senza nascondere i pensieri negativi, o i momenti di paura e debolezza, ma senza mai dimenticare l’inconfondibile sense of humour napoletano, questo libro tenero e divertente ci catapulta nella vita quotidiana di una famiglia di oggi, in cui tante mamme e tanti papà non faranno fatica a riconoscersi. E magari troveranno qualche spunto per rispondere con il sorriso sulle labbra alle domande impossibili dei propri figli.

I PERSONAGGI

papà

Nome: PAPA’ (io)

Età: 40

Segni particolari: Bello, simpatico e intelligente (se volete posso anche continuare)

Capriccio tipico: Voglio quella cosa o voglio andare in quel posto. Meno male che MPS mi accontenta.

La domanda più intelligente: Mi perdoni?

Soprannome: Chiattone per il mio fisico da sempre un po’ robusto (Un po’, ho detto.)

Superpotere: Raccontare e conoscere il linguaggio dei bambini e ragazzi

DA1

Nome: DA1

Età: 5 anni e mezzo

Segni particolari: Occhi stupendi, attenti e profondi

Capriccio tipico: Di qualsiasi tipo, con durata che va dai 35 ai 90 minuti, con ripetizione costante del motivo del capriccio.

Gioco preferito: I Lego

Qualità: Sensibile, osservatore, preciso, servizievole.

Insopportabile perché: Logorroico, ansioso e poco affettuoso

Superpotere: Resistenza al sonno

DA2

Nome: DA2

Età: 4 anni e qualche mese

Segni particolari: Gigante dal viso furbetto e il sorriso che inganna (bello e dannato)

Capriccio tipico: Volere il contrario di ciò che vuole il fratello

Gioco preferito: Rompere i Lego del fratello

Qualità: Affettuoso, premuroso, furbo.

Insopportabile perché: Mammadipendente, paraculo, bugiardo

mamma

Nome: MPS (Mia Principessa Stefania)

Età: mmmtto… e mezzo

Segni particolari: Bella con occhi stupendi, seducente

Capriccio tipico: Mia moglie non è capricciosa. È brava! (…)

Mania: La crema per il corpo

Sport preferito: Dopo 3 addominali mi chiede se si vedono e sono duri

Il sogno nel cassetto: Una vacanza da sola in una beauty farm

senza mai sentire la parola «Mamma»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...