Uozzamericanbois. #weneverstop – Day 8 – 31 dicembre 2014, New Year’s Eve

Newport (Nye Beach) – Albany

foto 5-7

Anche oggi il primo pensiero va a quello che c’è dietro il pesante tendone della stanza. Lo scosto e mi riempio il cuore. E lo spirito.

Doccia, capelli e quando esco dal bagno ad attendermi un regalo. Che è un segno dal cielo, una coincidenza o pura botta di culo: ginger bread latte consegnato caldo caldo dall’Anna. E la cosa incredibile é che io mi sono svegliata esattamente con la voglia di ginger bread latte. Anna poi mi racconterà che lei aveva chiesto un caffè normale con latte, ma il destino ha invece voluto giocare a mio favore. Bellissimo.

Mi rifiuto di scendere a far finta di fare colazione e chiedo a Lui se mi porta una banana. Piuttost che nient…

Oggi lasciamo il motel e Newport per tornare ad Albany. E oggi è anche il 31, ultimo giorno dell’anno.

Non andiamo però via subito. Appena lasciato il motel andiamo a Yaquina Lighthouse perché vorrei che anche la nana salisse nel faro in cui siamo stati io e Lui 4 anni fa (QUI dove ne avevo già scritto). Purtroppo però oggi non è possibile entrarci perché stanno facendo dei lavori di tinteggiatura quindi rinunciamo tutti. Inoltre essendo l’entrata all’area a pagamento (7,00$) e non potendoci salire non ha senso rimanere qui. Dirottiamo la ciurma allora (a cui stamattina si é aggiunto anche Gator) verso l’altro farò vicino al ponte. Siamo allo Yaquina Bay Lighthouse, la cui apertura però è alle 12. Oggi va così.

Foto di gruppo, prima ai bambini poi a noi, al panorama e l’orecchio teso ad ascoltare i sea lions che sono giù al mare e fanno un macello incredibile. Dopo andiamo anche da loro.

Ora dobbiamo portare i bambini all’Oregon Coast Aquarium qui a Newport, dove io e Lui siamo già stati, ma dove ci eravamo anche ripromessi di tornarci con lei perché la parte dedicata ai predatori del mare è bellissima.

Altra foto di gruppo, questa volta tutti insieme, all’entrata (ricordo che non mi lascio certo scappare) e via alle danze. Si inizia con la parte esterna dei sea lions e delle foche, viste giuste nel momento del feeding. Si passa poi agli uccelli acquatici; si entra quindi nella zona delle vasche che riproducono i vari mari per poi entrare in una nuova zona dedicata ai bambini per far scoprire e conoscere il mare. Ma non solo. Una delle strutture più interessanti è senz’altro la cabina in cui poter sperimentare (senza gli effetti devastanti) la potenza di un hurricane e che i bambini a turno provano. Qui si insegna anche il rispetto per il mare, con la pesca di tutto quello che al mare non appartiene. E si gioca al teatro marino in cui poter giocare alle varie creature del mare. Bellissima zona. Abbiamo lasciato per ultima la zona degli squali, la meravigliosa vasca in cui scorrazzano predatori dalla varie misure. Non solo squali quindi, ma anche storioni e mante. E persino un paio di sub nella vasca che scattano foto. Ma la bellezza di questo posto è data dalla forma della vasca: imponente è ad arco in cui poterci passare in mezzo, con gli squali che nuotano ai lati, di sotto e sopra. Piace molto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ritiro la foto ricordo e andiamo poi a mangiare qui vicino.

Il luogo é stato scelto da Anna che lo ha già frequentato svariate volte con i bambini e, nonostante lo scetticismo di Dinky, devo ammettere che quanto abbiamo mangiato qui è eccezionale. Siamo alla Rogue Brewery. Dove Lui voleva venire da tempo. E ora ci siamo.

foto 1-6

Per entrare si passa attraverso una grossa cisterna rossa, che contrasta meravigliosamente con il blu del cielo e la bandiera sventolante degli USA.

Prendo come appetizer uno Spuce Gin Oyster Shooter (un bicchierino, uno shot appunto, di 2 ostriche della zona immerse in una salsa rossa a base di Gin) e mezza libbra di Kobe Bacon Cheese Burger, di una squisitezza imbarazzante. Provo qualche birra, ma le trovo tutte con un retrogusto piuttosto amarognolo, non sono il massimo per me, ma non ci capisco una cippa io, bevo solo San Miguel e Corona…

foto 2-7foto 3-7

Ultima corsa sulla spiaggia per cani e bambini e via verso la Marina di Newport. A vedere i sea lions, ma vederli davvero ad un palmo di naso. Bellissimi, incazzusi e massicci.

Presi dall’entusiasmo di essere circondati da tutto questo mare, questi pescherecci, compriamo 3 Dungeness Crabs (giganti) che qui vendono già bolliti, in previsione del nostro cenone ci stanno bene.

Via a casa.

E dopo un paio di giorni di assenza da casa l’accoglienza non poteva essere peggiore: un freddo che più freddo non si può, ci sono -1°C in casa!!! Aiut! Stiamo vestiti il più possibile in attesa che la temperatura si ripristini e ceniamo a basa di minestrina in brodo (che noi adoriamo!). Bollicine e attendiamo la mezzanotte tutti svegli guardano dei filmoni belli romantici: Love Actually e P.S. I love you, romanticone noi…

Buon Anno, Buon Anno alla nostra famiglia allargata.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...