Uozzamericanbois. #weneverstop – Day 10 – 2 gennaio 2015. Woodburn – Corvallis (il mio primo – e ultimo – tattoo)

foto 1-1

Oggi è IL GIORNO!

Meta odierna è l’outlet di Woodburn, dove siamo già stati lo scorso anno. Solo che oggi le cose sono un po’ cambiate. Almeno per quanto riguarda l’affluenza: infatti quando siamo venuti io e Lui probabilmente se non eravamo gli unici clienti poco ci mancava. Questa volta invece il posto brulica di gente.

Con noi anche la Dinky e Michael e ci raggiungono Sergio e Valery.

Inizio alle danze.

Bottino della giornata: un paio di Converse pelose, una confezione di vari prodotti Redken (il mio leitmotiv dell’anno è provare ogni sorta di shampoo e conditioner professionale), midi-rings e abbigliamento per la nana da Tommy Hilfiger.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un pranzo veloce (un burrito gigante che mi riempie all’inverosimile) e via verso Corvallis per la missione. La mia.

Oggi mi faccio un tatuaggio. Il mio primo tatuaggio (e non intendo andare oltre). Mesi che me lo volevo regalare, oggi lo faccio.

Esco in questo modo definitivamente dal gruppo dei non tatuati e alla mia veneranda età mi faccio marchiare. Ma del resto lo sono già, non faccio altro che distogliere l’attenzione dal mio punto debole per focalizzare l’idiozia della gente altrove. Tutto qui.

Dinky e Michael mi portano da Joey, il loro tatuatore di fiducia. E appena vedo la scritta del negozio le gambe iniziano a cedere. Ormai ci sono però, lo voglio.

Joey mi è stato descritto come un burbero, e potevo solo immaginare che fosse uno di quei tipi che piace a me, uno di quelli che ti tratta (bonariamente?) male.

Gli mostro cosa voglio, dove lo voglio e subito si mette all’opera. Disinfetta la parte, e con una penna ripete il disegno che gli mostro. Tempo dell’operazione: 7 nanosecondi. Va bene, mi piace.

La Dinky nel pomeriggio mi ha raccontato (e mostrato) che il tatuaggio che voglio io si chiama Traditional American Tattoo. Grande soddisfazione, sono qui, decido di fare un tatuaggio qui e lo stile che mi piace ha esattamente a che fare con gli States. Coincidenza o caso.

Joey allestisce il suo banco di lavoro: i colori, gli aghi (non uno solo), disinfettante ed è pronto. Lui. Io no.

Gli chiedo se fa male e lui mi risponde serenamente con un “a me no”. Scimunito. Chiedo quanto male fa. E intanto mi ritraggo. E nuovamente mi da una delle sue risposte: “sei mai stata graffiata da un gatto? Ecco, stessa cosa”.

Allora inizia.

E il mio “porca puttana” urlato nel locale, con tanto di avventori, credo che se lo ricorderanno per un po’. Io di certo ricorderò quanto la Dinky per distrarmi mi riferisce: che una ragazza presente che dice di sapere lo spagnolo traduce agli altri che devo aver detto qualcosa che ha a che fare con una puzzola.

Se vabbè.

Joey va avanti, io soffro, sudo e morsico istericamente il lecca lecca che mi hanno dato. Chiedo dell’alcol. Da bere. E il Tato, anche lui presente con Valery, va a caccia per me.

Sono patetica. Sono una patetica fifona. Ma sono così tanto patetica che non me ne frega nulla di essere così patetica. E quindi vado avanti con le mie scene. Patetiche. Fino a quando raggiungo l’apice e gli dico: “Joey caro, non so che gatti hai tu, ma i miei non graffiano così!”.

Dopo questo mi placo.

Anche perché il mio tattoo è finito.

Tempo dell’operazione: 10 minuti.

Peccato, già finito. Selfie di rito con Joey, pago, baci e abbracci.

Sono adrenalica, tremo anche quando sono fuori. Ma non mangio nulla a cena: sono piena dal pranzo, e felice e appagata dal regalo che mi sono fatta.

Chissà se è vero che una volta che inizi poi non smetti più…

Questo slideshow richiede JavaScript.

(QUI la pagina facebook di Joey e del suo Sacred Art.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...