Mi piace tornare… In radio, a Kristall Radio!

Mi piace tornare dove si sta bene. E io a Kristall Radio ci sono stata davvero bene. Evidentemente la mia presenza deve essere stata altrettanto gradita tanto che mi hanno invitata nuovamente e io mi sono sentita solo onorata. Onorata anche dal fatto che Raul Montanari abbia accettato il collegamento telefonico in cui si è parlato del gravissimo fatto di violenza che lo ha visto coinvolto il 12 dicembre scorso, ma che fortunatamente ha poturo ancora raccontarci. Onorata dalla deliziosa e gentile presenza (perchè la gentilezza è importante) di Massimo Milone. E piacevolmente colpita dalla lettura della Dimora del santo di Gianluca Veltri che si è simpaticamente sottoposto alle mie torture. Domande chiaro, nulla di più.

Bene, cos’altro dire?

Che bello, giovedì torno ancora una volta. Ormai appuntamento fisso mensile per parlare di cultura, libri e baggianate!

Annunci

Stasera a Kristall Radio Valeria Merlini (me medesima), Gianluca Veltri e Raul Montanari (il Maestro) ospiti di Massimo Milone

kristall radio 16 genn 2014Gaudio!

Anno nuovo, buone e vecchie sane abitudini (compagnie comprese). Si torna in radio, Kristall Radio 96.4FM. Io, Gianluca Veltri con il suo La dimora del Santo (primo dei due romanzi della Happy Hour edizioni selezionati per la collana Noir Italia, allegata al Sole 24 Ore) ospiti di Massimo Milone (il secondo romanzo selezionato per entrare a far parte della collana Noir Italia è il suo!).

L’occasione? Parlare di cultura, stasera si punta sul noir. Ma non solo. Un ospite per me davvero speciale, Raul Montanari, in collegamento telefonico.

Da non perdere!

“Harlem Shake Christmas 2013”, il video. Sapevatelo!

Ogni promessa è un debito. Dopo giorni di attesa, di montaggio, di taglia e cuci, di ottimizza ed equalizza, eccolo qui. Il video nato dalla mente (diabolica) di Stefania Nascimbeni che, con la mia collaborazione, ha visto riuniti scrittori e addetti alla parola (intruse annesse e connesse) per un ballo scatenato quanto mai sfrenato.

Ma soprattutto, grazie, grazie, grazie per la vostra partecipazione. Grazie di cuore a:

  • Davide Roma
  • Lorenza Bernardi
  • Massimo Milone
  • Giulia Stolfa
  • Sonia Rottichieri
  • Isa Grassano
  • Emanuela Zuccalà
  • Assunta Corbo
  • Lucrezia Argentiero
  • Ilaria Sicchirollo
  • Desideria Marchi
  • Stefano Emanuele Ferrari
  • Barbara Galiano
  • Giuseppe Franco
  • Stefano Boldorini
  • Roberto Rasia dal Polo
  • Andrea Di Carpegna Varini
  • Andrea Pinketts

Grazie per aver portato tutte i vostri libri. Sappiate che con questi abbiamo rallegrato, almeno per un po’, i pazienti del reparto oncologia dell’Ospedale San Carlo Borromeo di Milano.

Un grazie doveroso anche allo Chef Alex e al suo Kitchen Society, il ristorante che ci ha ospitati (via Chiozzolini ang Piero della Francesca, Milano).

Ma un super special thanks lo mando @ P.A.R.O.S.H. per il mio splendido outfit. In particolare, ringrazio la meravigliosa Marta Maggi (sei top!).

Divertitevi. Come noi, più di noi. Sappiate solo che siamo persone serie… (ogni tanto)!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Siamo anche su TGCOM24

Siamo anche su Panorama.it

Siamo anche su Bookavenue

Ciak si gira! Stasera “l’addetto alla parola” si scatena con l’Harlem Shake

Gli scrittori scendono in pista con l’Harlem Shake per augurarvi Buon Natale

Martedì 10 dicembre 2013, presso Kitchen Society, a Milano

Metti insieme un gruppo di autori di successo, falli leggere, falli disturbare da un personaggio un po’ fuori dagli schemi, falli ballare come pazzi scatenati.

Tutti con il cappello!

Del resto anche gli Antichi letterati usavano cospargersi il capo con delle corone di alloro…

Questo però è molto di più, è l’Harlem Shake, il tormentone dell’anno, riproposto di recente anche nella versione “Zelig”, “Striscia la Notizia” e persino calcistica, nella declinazione del rosso e nero. Quindi perchè noi no?

Un’idea della scrittrice Stefania Nascimbeni, che a maggio sarà in tutte le librerie con l’attesissimo romanzo “Tutti pazzi per Gaia”, (Leggereditore), sotto la direzione artistica della giornalista di Panorama.it Valeria Merlini, con la regia di Gianni Paolella.

Gli autori che hanno simpaticamente aderito:

  1. Davide Roma
  2. Lorenza Bernardi
  3. Massimo Milone
  4. Luigi Carrozzo
  5. Giulia Stolfa
  6. Sonia Rottichieri
  7. Gianluca Veltri
  8. Daniela Basilico
  9. Isa Grassano
  10. Emanuela Zuccalà
  11. Assunta Corbo
  12. Lucrezia Argentiero
  13. Ilaria Sicchirollo
  14. Maddalena Cazzaniga
  15. Desideria Marchi
  16. Stefano Emanuele Ferrari
  17. Valeria Merlini
  18. Stefania Nascimbeni
  19. Giuseppe Franco
  20. Stefano Boldorini
  21. Roberto Rasia dal Polo
  22. Andrea Di Carpegna Varini
  23. Elena Mearini
  24. Enrico Nascimbeni
  25. Chiara Beretta Mazzotta

Special guest, Andrea G. Pinketts!

Special thanks to Kitchen Society, Via Chiozzolini ang Piero della Francesca, Milano.

Super special thanks to P.A.R.O.S.H. for my outfit.

Special gift for Ospedale San Carlo Borromeo (tutti gli autori, anche quelli che non possono esserci come Micol Arianna Beltramini, Carlo A. Martigli, Alessandro D’Avenia e Stefano Vignaroli regalano una copia firmata di uno dei propri successi al reparto oncologia dell’ospedale milanese).

Ritorno a Capri… Presentata la nuova collezione di Antonella Puttini

LA  FORTUNA  DIVENTA  UN  GIOCO  (PREZIOSO)  DA  INDOSSARE

Lo scorso 27 novembre si è tenuta la presentazione delle due nuove collezioni di Antonella Puttini legate alla cultura partenopea: Ad Maiora, che si ispira chiaramente alle carte napoletane e Capri Provident, con il rimando alla storia dell’isola azzurra e alle leggende legate all’imperatore Tiberio.

Invito_RitornoACapri_AngelaPuttini_Milano

Ritorno a Capri rappresenta un viaggio prezioso attraverso un’esposizione di gioielli nati dalle sapienti mani di artigiani partenopei che mescola metalli e pietre preziose a coralli e avori, per creare un gioco di simboli che rimandano alla tradizione e alla cultura tipiche del Mediterraneo.

Piacevolmente accolta dalla precisissima Alessandra Fossati dell’ufficio stampa Aqqua Zone, vengo immediatamente presentata all’artefice di queste originalissime creazioni, Antonella Puttini che il sole della sua isola se lo porta nella voce e negli occhi.

Inizia quindi il giro, tra le creazioni di sempre e le due nuove collezioni, motivo per cui siamo qui tutti stasera. Ad Maiora letteralmente “verso cose più grandi” con il tema delle tipiche carte napoletane che, in questo caso, non potevano non essere quelle migliori del mazzo: l’asso di coppe el’asso di denari, entrambi simbolo di fortuna e prosperità, secondo la tradizione napoletana (il primo rappresenta la famiglia, la contentezza, la felicità; il secondo il sole, la ricchezza, il massimo ottenibile). Il risultato è quindi un gioiello unico, importante, ironico, che ricorda a chi lo indossa che, nella vita, non si deve mai smettere di volere di più.

Rimanendo sempre in tema scaramantico, per esorcizzare il periodo non del tutto florido che stiamo vivendo e per “scacciare” la crisi ripartendo con un 2014 più sereno, viene esposta la nuova versione di Provident Capri. I gioielli che compongono questa sezione della mostra raffigurno l’immagine delvolto dell’imperatore Tiberio che a Capri, dice la leggenda, costruì ben dodici ville ognuna intitolata a una divinità portando con sé le fastose e ricche atmosfere dell’età romana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma il mio preferito, uno su tutti, è legato alla pazzia che suscita l’amore.
Amantes Amentes” dicevano i latini. Antonella Puttini ha portato la follia dell’innamoramento su due preziosi anelli basculanti, a due facce, proprio come quelle dell’amore. Da una parte un cuore e dall’altra due amanti appassionati. Realizzati in oro 18 kt . La piastra dell’anello è ottagonale in corallo mentre il cuore è realizzato a contrasto in onice (disponibile anche con piastra in onice e cuore in corallo). Le pietre sono preziosi carrè di rubino, cabochon di smeraldo e diamanti . Le miniature sul lato opposto della piastra e raffiguranti gli amanti sono liberamente ispirate agli affreschi di Pompei conservati nel Gabinetto Segreto del Museo Nazionale di Napoli e sono realizzate con smalti a fuoco su rame.

Anelli amantes Amentes_2_Collezione Tiberio
Anelli Amantes Amentes Collezione Tiberio

Upstream. Il salmone di Claudio Cerati presentato ieri a Palazzo Parigi

foto-50Ieri sera a Palazzo Parigi, il meraviglioso hotel inaugurato a settembre in stile anni 20 con la cucina di Cracco (il suo secondo ristorante, porto ancora nel cuore la mia serata a cena da Cracco), si è tenuta la degustazione del salmone Upstream di Claudio Cerati. La serata come sempre è stata magnificamente orchestrata dalla meravigliosa Beatrice Pazi a cui rivoglo il mio doveroso ringraziamento (sei sempre la meglio, lo sai vero?).

Upstream letteralmente significa “risalire la corrente”, verbo che rispecchia perfettamente la fatica immane compiuta dai salmoni durante il periodo della riproduzione che dal mare risalgono sino al fiume natio. Provenienti dalle acque delle Faroe Islands, situate tra l’Islanda e la Scozia, grazie ad una commistione tra pratiche di allevamento e ottime politiche, questi salmoni sono completamente privi di antibiotici e ricchissimi di Omega 3.

Una volta pescato il salmone viene immediatamente trasferito in Irlanda per la lavorazione. Claudio Cerati ha messo a punto una speciale marinatura a secco (fatta con sale marino e zucchero) che mantiene il giusto equilibrio tra sapore e morbidezza. A seguire un’affumicatura delicata tutta “made in Italy”.

Se siete amanti del salmone Claudio Cerati consiglia anche come gustare le varie parti del nobile salmone. Io l’ho potuto fare ieri sera grazie ai piatti proposti dallo chef Diego Giglio, direttamente proveniente dalla cucina di Cracco.

Pic by ViolaBlanca
Pic by ViolaBlanca

Trancio di salmone
Spugna allo yogurt croccante e salmone
Rocher di ricotta, erba cipollina e salmone
Salmone e foie gras
Involtino di salmone e carote
Salmone tonic
Croissant farciti al salmone
Crema di rapa rossa e tartare di salmone
Pasta con salmone e lardo
Risotto al sesamo, mela e salmone
Diamante ai pistacchi e salmone
Macarons assortiti
Mini tatin
Operà

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Deejaynellarmadio Exibition: serata d’inaugurazione ieri sera allo Spazio Calabiana

Il percorso fotografico che vi condurrà negli armadi dei Dj della Radio più famosa d’Italia

DeejaynellarmadioIeri sera si è tenuta l’inaugurazione della mostra fotografica Deejaynellarmadio presso lo spazio del Progetto Calabiana.

Una serata per ammirare i 34 scatti ai volti più noti ed amati della nostra radio preferita, Radio Deejay (what else?) che il pluripremiato Pietro Baroni ha “rubato” in improbabili situazioni domestiche ai nostri beniamini. Ci sono tutti, proprio tutti: Linus (che gironzolava anche ieri sera), Albertino (disponibile a farsi immortalare dai numerosi ospiti), dj Angelo (che ho intravisto alla fine), Roberto Ferrari (oserei dire riconoscibilissimo), Michele Mainardi (vecchia conoscenza grazie alla diretta della trasmissione con Andrea dal Chezz Gerdi per Formentera for… Deejay) e tanti altri. Appesi in bella mostra invece tutti e 34 più belli che mai.

Da oggi la mostra è aperta al pubblico (ingesso gratuito) sino al 15 novembre. E ricordate che tutto viene fatto per una buona, ottima causa: il ricavato della vendita delle opere e del catalogo sarà devoluto in beneficienza all’associazione Dynamo Camp. Quindi, mano sul cuore. L’altra, al portafoglio.

Ringrazio doverosissimo alla mia amica, la pr più cool di Milano per l’opera titanica e il magnifico risultato ottenuto, sin da ieri sera: Beatrice Pazi. La cosa sorprendente di Bea? Oltre alla evidente e riconosciuta bravura il fatto che sia sinceramente devota ad ognuno, bello o brutto, in or out, per chiunque una parole, un sorriso. Sempre.

Beatrice Pazi in uno scatto di Davide Manea | MZNG®
Beatrice Pazi in uno scatto di Davide Manea | MZNG®

Ringrazio altrettanto doveroso @NoWords per il mio outfit Sweet Matilda. Grazie anche @No Words per avermi omaggiata con la cover iPant per il mio iPhone che mi ha accompagnata durante la serata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il comunicato.
Milano 2013 – Il prossimo 30 Ottobre 2013 si aprono le ante della mostra fotografica Deejaynellarmadio, che vedrà voci e volti di Radio Deejay aprire i loro armadi davanti all’obbiettivo del fotografo milanese Pietro Baroni, già autore del progetto fotografico Milan Closets, vincitore di un Honorable Mention Prize, all’International Photo Awards 2012.
Il percorso fotografico nasce dallo sguardo creativo di uno di loro, Gianluca Vitiello, che ha unito la sua passione per la musica con quella per la moda e le culture urbane, dando vita ad una esposizione che racconta in modo assolutamente inedito un luogo quasi mistico: la cabina armadio dei deejay della Radio.
L’idea prende vita dal blog di Gianluca www.deejaynellarmadio.it , che offre uno sguardo inedito sugli incontri tra la moda e la musica, con attenzione anche per la street art, i linguaggi urbani, il design.
Benvenuti nell’arredamento di questo millennio, dove l’armadio e i suoi contenuti diventano il simbolo di nuove storie da raccontare, attraverso una loro interpretazione artistica pop e contemporanea, che ne farà da lente di ingrandimento. Prendono così vita opere fotografiche scandite da un interminabile ritmo musicale di stanze private, dove i colori degli abiti dettano la personalità di ogni protagonista, lo stile, i segni distintivi e i loro interessi. Al loro interno troveremo elementi unici, curiosi, divertenti, interessanti e a loro modo eccezionali, proprio come le voci di Radio Deejay.
Il ricavato dalla vendita delle opere e del catalogo della mostra, sarà devoluta in beneficenza all’associazione Dynamo Camp www.dynamocamp.org, che rivolge il suo aiuto a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni affetti da patologie gravi o croniche sia in terapia attiva che nella fase di post ospedalizzazione.
Alziamo il volume, apriamo gli armadi, verso un percorso fotografico che regalerà emozioni, stimoli, aprendo la strada ad una nuova interpretazione del ritratto e del concetto di lifestyle!

La mia “ora di celebrità” (perchè un quarto d’ora non basta mai) alla radio, Kristall Radio!

Cosa posso dire se non che è stata una delle esperienze più intense, belle, meravigliose e divertenti della mia vita negli ultimi tempi? Non posso fare a meno di ringraziare Massimo Milone e Giovanni Bernuzzi della Happy Hour edizioni (perchè sono convinta che ci sia il suo zampino lì dietro) per avermi invitata. Ma un ringraziamento altrettanto doveroso va anche alla “mia” Lisa Elisa, per essersi prestata alle nostre torture via etere. Non posso escludere la cuccia che invece ci ha accolti, Kristall Radio. Grazie, grazie, grazie.

Stasera a Kristall Radio Valeria Merlini (me medesima) e Lisa Elisa ospiti di Massimo Milone

KR“Vediamo cosa si può fare” è la trasmissione condotta in diretta da Massimo Milone su Kristall Radio 96.4FM (kristallradio.it) ogni giovedì dalle 21 alle 22. Ospiti della prima puntata, in onda stasera 17 ottobre, Valeria Merlini, giornalista di Panorama.it, e in collegamento telefonico da Madrid Lisa Elisa, autrice del romanzo Dodici chicchi d’uva (entrambe presenti nell’antologia di racconti Milano forte e piano 3 – Storie di eros e di amore a Milano). I temi affrontati nelle diverse puntate della trasmissione, con cadenza settimanale, saranno quattro. Vediamo cosa si può fare per i libri insieme agli autori. Vediamo cosa si può fare per gli altri insieme a chi aiuta gli altri. Vediamo cosa si può fare per l’arte e la cultura insieme a persone e  organizzazioni che le promuovono. Vediamo cosa si può fare per l’economia insieme a esperti, imprenditori e organizzazioni che promuovono l’innovazione. A Massimo Milone, che ha pubblicato con Happy Hour edizioni i romanzi Un mondo difficile, Delitto alla Montagnetta, Milano corri e muori, in bocca al lupo da tutto lo staff della casa editrice!

(da Happy Hour edizioni)

GRAZIEEEEEEE

21 settembre: era il WORLD PEACE DAY. OVS per Emergency

Locandina dell’evento – Credits: OVS

OVS ha lanciato, in occasione della Giornata Mondiale della Pace, Make Peace!,  una limited edition di underwear disponibile negli store OVS, in vendita al prezzo unico di 5€.

Culotte e boxer stampa camouflage,  personalizzati con il simbolo della pace fucsia a contrasto.

Per ogni prodotto venduto,  sarà devoluto 1€ ad Emergency, per il finanziamento del centro di cardiochirurgia ‘Salam’ (che significa proprio “pace”) a Khartoum in Sudan.
Qui i due modelli (alle casse dei punti vendita aderenti ancora disponibile) :